Tag

aied-roma-no-bullismo-cover

Anche quest’anno aderiamo al contest promosso da Aied e che quest’anno mette al centro il problema del bullismo. #Facciamorete

 

#NOBULLISMO – VOCE AI GIOVANI: UNA GARA DI IDEE

La frequenza con cui i giovani si trovano a doversi confrontare con bullismo e cyberbullismo è sempre più alta. Si tratta di due fenomeni silenziosi e altrettanto pericolosi che possono incidere pesantemente sul benessere e sullo sviluppo di chi ne è vittima e che, nella maggior parte dei casi, sta già vivendo un momento delicato come quello dell’adolescenze e della pre-adolescenza.

Secondo il Telefono Azzurro il 10% delle vittime tenta il suicidio, il 30% arriva ad atti di autolesionismo. Dati a cui dovremmo prestare attenzione e da cui dovremmo comprendere la gravità del fenomeno che, troppo spesso, si nasconde tra le trame dello scherzo e dei giochi tra ragazzi. Solo 1 su 5 informa un adulto su ciò che è accaduto per paura di ulteriori rivendicazioni da parte del bullo/a o dei bulli/e.

Noi crediamo che in un contesto sociale così turbolento come quello odierno i ragazzi abbiano bisogno di supporto e vicinanza. Crediamo che sia necessario lavorare affinchè la violenza quotidiana che recepiscono ogni giorno dai media non diventi la loro normalità. Crediamo che sia importante educare alla libertà e al rispetto reciproco per garantire qualità e valore alla loro vita e alla società di domani, di cui saranno attori e protagonisti.

Da qui nasce “NObullismo – Voce ai giovani: una gara di idee” un’occasione che permetterà a giovani ed esperti provenienti da vari settori di confrontarsi apertamente con l’obiettivo di analizzare la tematica in profondità e fornire un contributo concreto per promuovere la creazione e la diffusione di una società basata su confronto, libertà e sicurezza, lontana da violenza, sopraffazione ed esclusione.

Prendere parte al cambiamento è semplice: basta iscriversi e candidare la propria idea.

COME FUNZIONA

La gara nazionale di idee #NObullismo si rivolge ai giovani di età compresa tra i 15 e i 30 anni, organizzati in squadre da 1 a 4 persone.

Al momento dell’iscrizione ogni squadra dovrà avere un capogruppo che, oltre a guidare il team, si farà portavoce dell’idea durante la fase finale del contest che si terrà a Roma il 26 novembre 2016. In quella sede, i 3 team finalisti avranno modo di presentare e discutere la loro idea con la Giuria che, a seguire, decreterà la squadra vincitrice.

Le idee dovranno essere realizzabili e avere un impatto sulla realtà coinvolgendo direttamente i ragazzi. Dovranno promuovere una cultura basata sul rispetto reciproco e avere un effetto su bullismo e cyberbullismo.

Le iscrizioni al contest saranno aperte il 5 settembre.