Non chiedeteci di scrivere qualcosa per il 25 novembre.
Non lo faremo.

Non dopo la sentenza di oggi che riduce la pena a colui che ha ridotto in coma Chiara Insidioso e che le ha rovinato l’esistenza per sempre.

Questo non è un paese per donne, non è un paese che migliora, è un paese da sentenze ingiuste sulla pelle delle donne.

Chiara non avrà più una vita normale, la sua famiglia non avrà più una vita serena. Suo padre ha già più volte manifestato le difficoltà che sta vivendo Chiara e la pena che si porta appresso per riuscire a darle un’assistenza sanitaria come si deve.

Non scriveremo più post per giornate che non servono a nulla.

Non ci interessano i click, ci interessa ottenere un mondo migliore dove cose come quelle capitate a Chiara non debbano più succedere.

Cerchiamo un mondo dove chi sbaglia sconti la giusta pena.

Oggi, domani, il 25 novembre e tutti i giorni noi saremo solo con la famiglia di Chiara, con tutte le vittime di violenza.