Tag

10325586_10203151322938267_6383160703065032879_n

In Sardegna si è deciso di fare spending review  e  la scelta cade su chi ha meno voce per protestare.

Verranno infatti colpiti i disabili.

Con la legge 162/92 lo stato Italiano detta delle norme innovative a sostegno della disabilità, finalizzate a:

  • promuovere il diritto a una vita indi­pendente delle persone con disabilità permanente e grave limitazione dell’au­tonomia personale e agevolare la loro piena integrazione nella famiglia, nella scuola, nella società;
  • prevenire e rimuovere le condizioni in­validanti o che impediscono lo sviluppo della persona umana, perseguire il recu­pero funzionale e sociale, superare stati di emarginazione e di esclusione sociale;
  • sostegno alla famiglia nel suo compito fondamentale di educazione e di cura, garantire così a tutti, cominciando dai bambini, il diritto vitale di vivere e cre­scere in famiglia, luogo naturale e sociale privilegiato per la crescita e lo sviluppo;
  • migliorare la qualità della vita della per­sona con disabilità e delle loro famiglie;
  • favorire l’inclusione sociale e la deistitu­zionalizzazione con riduzione drastica dei costi sociali, costi nettamente inferiori per gestire il servizio di aiuto alla persona confrontato con ogni tipo di istituziona­lizzazione;
  • la creazione o il rafforzanento della rete dei servizi intorno alla persona e il col­legamento fra essi (comunità, scuola, sanità, ecc.);
  • centralità e promozione della famiglia e di servizi “umanizzati”, con piani personalizza­ti, che tengono conto delle caratteristiche e delle esigenze specifiche di ogni persona con disabilità, che prevedono anche la possibilità della “scelta” dell’operatore da parte dell’interessato e/o della sua famiglia.

La Regione Sardegna, con grande esempio di civiltà è stata una delle prime regioni ad attuare questa riforma, ma adesso si è deciso di procedere al taglio dei fondi disponibili .

Inutile dire che la disabilità è un gravissimo problema per i portatori di un handicap e per i loro familiari, soprattutto in periodi di crisi e difficoltà economiche per tutti, che si vedono lasciati soli dallo Stato.

Vogliamo sottolineare la forte ingiustizia di questa  spending review in sardo, e sottolineare che non si puo’ far cassa sulla disabilità, lasciando sempre più soli i più fagili .

La associazione Sensibilmente che si occupa di autismo ha pubblicato questo comunicato ed indetto un incontro che si terrà a Sassari il giorno 25 Luglio.

Questo è il comunicato della Presidente della sensibilMente onlus – Olbia, dott.ssa Veronica Asara

La legge 162/98 e le buone prassi sulla disabilità in Sardegna.

La legge 162 del 1998 è una legge nazionale ad applicazione regionale, che in Sardegna ha visto la sua applicazione più innovativa e adeguata ai bisogni delle persone con grave disabilità.

I piani personalizzati 162 consentono di superare la vecchia visione del disabile come soggetto da istituzionalizzare e aprono la strada all’inclusione in famiglia, a scuola e nella società più in generale.

Il piano personalizzato cosi finanziato, consente interventi socio-assistenziali ed educativi da svolgere al domicilio del disabile anziché in istituto, permettendo, tra l’altro, un importante sgravio ai conti pubblici che beneficiano della domiciliarietà dei servizi, certamente meno costosa delle istituzionalizzazioni.

La 162, cosi come la conosciamo in Sardegna, è il fiore all’occhiello della sanità regionale e delle politiche sociali sull’handicap, cosi all’avanguardia da essere portata come modello.

Il modello Sardegna dovrebbe essere baluardo e bandiera di tutta la politica, regionale e nazionale, e dovrebbe essere esteso a tutte le altre regioni. In realtà nel resto d’Italia, nascono sempre più spesso comitati e movimenti che vorrebbero l’applicazione della 162 con gestione indiretta (cioè con la possibilità di scegliere gli operatori da parte del disabile o della famiglia) cosi come è in Sardegna, invece nel resto della penisola, i soldi stanziati sono pochissimi e non è permesso scegliere; un ora alla settimana di un operatore mandato dal comune deve bastare alle famiglie, l’alternativa è l’istituto.

Riguardo all’autismo, il finanziamento 162 permette di implementare l’intervento terapeutico dei bambini, rispetto alla scarsa copertura offerta dal SSN.

La 162 è quindi un sistema che consente di ottimizzare gli interventi lasciando il disabile in seno alla famiglia e quindi, nella società, cosi come dovrebbe essere applicato il vero principio di inclusione sociale.

Una “buona prassi”, di quelle che consentono miglioramenti nella qualità della vita delle persone in difficoltà e consentono, al medesimo tempo, una riduzione dei costi sui conti pubblici.

Dal 2004 ad oggi le coperture per la 162, provenienti dal fondo per la non autosufficienza, sono aumentate costantemente e per il 2015 sono di 104 milioni di euro.

Già da diversi mesi avevamo sentore che il fondo sarebbe stato tagliato, a febbraio siamo riusciti a scongiurare un taglio cospicuo in bilancio e dopo mesi di attesa, con la delibera 33/11 del 30 giugno 2015 i tagli si sono concretizzati. I piani con punteggio inferiore ai 70 punti, una platea di circa 30 mila soggetti disabili, subiscono tagli che vanno dai 250 ai 150 euro annui.

Taglio irrisorio per taluni, mortificante per noi.

Mortificante perchè non salva le sorti della sanità regionale ma è un chiaro segnale.

Un segnale allarmante, ci stanno dicendo “questo sistema non vale poi cosi tanto” considerando forse che l’istituto sia più valida alternativa e ci chiediamo per chi, visto che la collettività avrebbe costi triplicati.

Le famiglie sono sul piede di guerra, NON si può tornare indietro e non si tornerà indietro. Attendiamo ancora gli sviluppi in consiglio regionale e portiamo avanti, come Comitato delle famiglie per l’applicazione della 162 e insieme all’Abc Sardegna, le nostre azioni diplomatiche con i consiglieri regionali di ogni parte politica, che in diverse occasioni hanno criticato il taglio.

 

Il 24 luglio si svolgerà a Sassari un incontro tra il direttivo del Comitato e dell’Abc Sardegna con le associazioni del nord Sardegna, al fine di aggiornare e discutere un’azione comune ed incisiva per chiedere ed esigere il necessario cambio di direzione da parte della Giunta regionale. Ne va del futuro dei nostri figli, ne va dell’applicazione di una “buona prassi” che NON deve diventare storia che fù.

 

Dott.ssa Veronica Asara – Presidente sensibilMente onlus – Olbia

http://sensibilmente.org/