Tag

lEA

 

«Lea, la mia cara mamma, ha avuto il coraggio di ribellarsi alla cultura della mafia, la forza di non piegarsi alla rassegnazione e all’indifferenza. Il suo funerale pubblico – al quale vi invito e al quale spero parteciperanno tante persone – è un segno di vicinanza non solo a lei, ma a tutte le donne e gli uomini che hanno rischiato e continuano a mettersi in gioco per i propri valori, per la propria dignità e per la giustizia di tutti». 

Questo è l’appello di Denise, la figlia di Lea Garofalo,

Lea era una testimone di giustizia, Una donna che voleva dare alla propria figlia un futuro diverso e che ebbe il coraggio di denunciare il compagno Carlo Cosco.

A novembre 2009 Lea Garofalo sparisce.

Fu uccisa, dopo essere stata torturata, e fu sciolta nell’acido.

A  maggio dell’anno scorso sono arrivate le condanne definitive a quattro persone, tra cui a Carlo Cosco, per l’omicidio della donna.

Domani sabato 19 ottobre, a Milano, si terranno i funerali di Lea.

“E’ un segno positivo dell’importanza della cultura come forma di contrasto della cultura criminale e mafiosa”, ha sostenuto don Ciotti che ha poi sottolineato che sabato ”l’importante è esserci”.

Stringiamoci tutti intorno a Denise.