Tag

, , , ,

Mia nonna Maria raccontava fiabe, quelle classiche  che conosciamo tutti, ma ogni tanto amava raccontarmi gli episodi tratti dal libro “Cuore” di Edmondo De Amicis.

Non li raccontava leggendo, li sapeva a memoria.

Oggi, a distanza di tantissimi anni,  ho deciso di leggerlo  e credetemi, tra le righe  di quel libro antico,  sono nascosti insegnamenti e valori su cui vale la pena di tornare a riflettere.

Oggi ne trascriverò uno e spero che di  link in  link  arrivi sul monitor del Senatur.

“Ieri sera, mentre il maestro ci dava notizie del povero Robetti, che dovrà camminare un pezzo con le stampelle, entrò il Direttore con un  nuovo iscritto, un ragazzo di viso molto bruno, coi capelli neri, con gli occhi grandi e neri, con le sopracciglia folte e raggiunte sulla fronte; tutto verstito di scuro, con una cintura di marocchino nero, intorno alla vita.

Il Direttore,  dopo aver parlato nell’orecchio del maestro, se ne uscì, lasciandogli accanto il ragazzo, che guardava noi con quegli occhioni neri, come spaurito.  Allora il maestro gli prese una mano e disse alla classe:–

Voi dovete essere contenti. Oggi entra nella scuola un piccolo italiano nato a Reggio di Calabria, a più di cinquecento miglia di qua. Vogliate bene al vostro fratello venuto di lontano. Egli è nato in una terra gloriosa, che diede all’Italia degli uomini illustri, e le dà dei forti lavoratori e dei bravi soldati; in una delle più belle terre della nostra patria, dove son grandi foreste e grandi montagne, abitate da un popolo pieno di ingegno e di coraggio. Vogliategli bene, in maniera che non s’accorga di essere lontano dalla città dove è nato; fategli vedere che un ragazzo italiano, in qualunque scuola italiana metta il piede, ci trova dei fratelli. —

Detto questo s’alzò e segno sulla carta murale d’Italia il punto dov’è Reggio Calabria. Poi chiamò forte:–Ernesto Derossi! — quello che ha sempre il primo premio.

Derossi uscì dal banco e s’andò a mettere accanto al tavolino, in faccia al calabrese. — Come primo della scuola — gli disse il maestro —  dà l’abbraccio del benvenuto in nome di tutta la classe,  al nuovo compagno; l’abbraccio dei figliuoli del Piemonte al figliuolo della Calabria. — Derossi abbracciò il calabrese dicendo con la sua voce chiara:- Benvenuto! — e questi baciò lui sulle due guance, con impeto.

Tutti batterono le mani. — Silenzio!! — gridò il maestro — non si batton le mani in iscuola!.

Ma si vedeva che era contento. Anche il calabrese era contento. Il maestro gli assegnò il posto e lo accompagnò al banco.

Poi disse ancora:— Ricordatevi bene quello che vi dico. Perchè questo fatto potesse accadere, che un ragazzo calabrese fosse come in casa sua a Torino, e che un ragazzo di Torino fosse a casa propria a Reggio Calabria, il nostro paese lottò per cinquant’anni e trentamila italiani morirono. Voi dovete rispettarvi, amarvi tutti fra voi; ma chi di voi offendesse questo compagno perchè non è nato nella nostra provincia, si renderebbe indegno di alzare mai più gli occhi da terra quando passa una bandiera tricolore. —-

Appena il calabrese fu seduto al posto, i suoi vicini gli regalarono delle penne e una stampa e un altro ragazzo, dall’ultimo banco gli mandò un francobollo di Svezia.

(da: Il Ragazzo Calabrese  del libro “Cuore” di Edmondo De Amicis).

Silvietta

Advertisements