Tag

, , ,

La Padania forse esiste.
La prova inconfutabile non è l’ esistenza del Grana Padano.

La Padania forse esiste.
Forse nel dito medio di Bossi.

Esiste nel Trota seduto in consiglio regionale.
Forse esiste nella scuola di Lady Bossi.

Esiste nel sindaco leghista che non fornisce più la mensa ad un figlio di immigrati, reo di avere dei genitori che non hanno potuto pagare la retta.

Esiste in coloro che si augurano che i barconi diretti a Lampedusa affondino prima di arrivare a destinazione.

Esiste in chi non appena succede una rapina o un omicidio pensa subito che il colpevole è di sicuro un immigrato.

Esiste in chi proclama che gli extra comunitari ci rubano il lavoro ma che a casa hanno la badante straniera. E che alla mattina non di svegliano per andare a raccogliere pomodori.

Esiste in cui sputa sulla bandiera italiana ma siede a Roma comodamente, senza rinunciare allo stipendio che lo Stato, rappresentato nei 3 colori che tanto disdegnano, gli riconosce.

La Padania esiste.

Senza forse.

Esiste in tutto ciò che di peggio può uscire dall’animo umano.
Esiste nella mancanza di coerenza e di umanità.
Esiste nell’arroganza, nell’ignoranza, nella cattiveria.
Non esiste come Popolo, non esiste come Territorio.

È un modo di essere, di cui io che abito al Nord mi vergogno, dal quale mi dissocio.
Un modo di essere che provoca astio e distruzione.
Un’ esistenza di cui chi vive in queste terre e si apre al mondo farebbe volentieri a meno.

Marta

Annunci