Ho passato molti anni a coltivare rimpianti.

A rinunciare prima di cominciare, pensando di non essere capace, di non avere tempo o per evitare di fare danni a qualcuno.

Di quegli anni mi resta soprattutto il lungo elenco di lamentele per tutto ciò che avrebbe potuto essere e non è stato.

Con le migliori intenzioni, stavo buttando via la mia vita.

Per questo sono arrivata a pensare che sia meglio pentirsi di qualcosa che si è fatto piuttosto che continuare a rimpiangere di non averlo fatto.

Credevo che avrei finito per riempire la mia vita di rimorsi.

Invece ne ho molti meno di quelli che avrei immaginato.

Forse perché la mia vita non è trasgressiva.

O forse perché i rimorsi vengono solo se non faccio la cosa che sento giusta.

Dentro di me, non ascoltando le idee di qualcun altro.

Non è mai troppo tardi per imparare a vivere, senza rimpianti e senza rimorsi.

Tonina

Annunci