c’e’ un nuovo santo, il protettore d’Europa

La crisi e’ passata.

La soluzione di tanti problemi era dentro di noi e scioccamente non ce ne eravamo accorti.

Abbiamo evitato il tracollo dell’Italia e dell’Europa.

Non resta che prenderne atto, festeggiare, i media già lo fanno.

Perché finalmente c’e’ un nuovo santo vivente, il protettore dell’Europa.

O meglio, il salvatore delle Banche d’Europa: il grande drago, capace, con una conferenza stampa, di fare il miracolo della caduta dello spread.

Ieri Mario Draghi ha incassato una vittoria, come viene raccontato:  l’Eurotower comprerà, “senza limiti quantitativi fissato ex ante“, i titoli di Stato a breve termine dei Paesi che chiedono l’assistenza finanziaria dell’Europa con una  manovra chiamata Outright Monetary Transactions ( Transazione Monetaria Diretta: http://www.telegraph.co.uk/finance/financialcrisis/9525451/Mario-Draghi-speech-the-full-text.html).

In cambio, la Bce concorderà con lo Stato richiedente tempi e modalità di riforme istituzionali necessarie a mettere in sicurezza i conti pubblici, sottoscrivendo un “memorandum“, una prescrizione, che impegnerà  il paese che beneficerà degli aiuti con rispetto del fiscal compact  oltre ad ulteriori manovre fiscali necessarie.

Draghi ha rimarcato che la Bce si atterrà al principio della sterilizzazione, per cui riassorbirà la quantità equivalente di denaro per evitare l’inflazione.

In sintesi: le banche saranno sempre rifornite e foraggiate e pazienza se i cittadini pagheranno tutta la sterilizzazione in termini di tassazione, disoccupazione e strette sul welfare.

Purtroppo, nonostante le parole rassicuranti è ormai evidente che a breve o medio termine anche il nostro stato chiederà questi aiuti BCE.

E quel giorno arriveranno signori in sobri abiti grigi che controlleranno conti ed bilanci indicando come fare la spesa.

Sterilizzeranno davvero, le casse dello stato, avidi di ricchezze, come nuovi lanzichenecchi.

Politica e media purtroppo non ci raccontano e, quando va bene, riportano i numeri della crisi oggi: devastanti.

D’altronde sono troppo impegnati a tessere lodi ed a raccontare gli encomi che raccolgono in giro i nostri governatori.

Anche il parlamento europeo tace.

Qualcuno prima o poi ci dovrà spiegare perché andiamo a votare, perché eleggiamo e paghiamo esecutori di ordini.

Ma oggi festeggiamo la lieta novella: la crisi è finita.

Andiamo in pace

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.886 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: