Gatekeeper, la notizia

Gatekeeping, custodia al cancello, ovvero controllo dell’ informazione.
Antonella Randazzo analizzanel suo blog le varie forme con cui avviene questo controllo .

Il gatekeeper è colui che fornisce notizie astenendosi da una informazione completa alla quale fa prevalere interessi e logiche diverse.
Talvolta il gatekeeper svolge in modo involontario questa funzione, convinto della correttezza del suo operato, per una sorta di condizionamento culturale personale e per questo viene privilegiato.
Altre volte esiste la consapevolezza giornalistica di fornire una notizia incompleta che tuttavia viene superata o da una autocensura se non da veri e propri condizionamenti esterni.

Il gatekeeper infatti, consapevole o no guardiano del potere, sa quali sono i limiti entro i quali può operare, quali notizie sono sgradite ad una persona specifica o ad un sistema.

Le notizie sgradite stanno fuori dal cancello così come le mezze verità.

Altre volte è il sistema, con la sua grande influenza sui media, salvo sporadiche eccezioni, che detta le regole di indirizzo sulla scelta della qualità e modalità di comunicazione della notizia.

E’ sotto gli occhi di tutti oggi notare che il potere ha bisogno per confermarsi e consolidarsi di una elevata soglia di consenso mediatico.

Quante guerre e battaglie vengono dedicate per la nomina di un CDA della RAI, quasi fosse l’elezione di un papa?

Ognuni schieramento politico ha il suo candidato, scelto frequentemente non per meriti sul campo della comunicazione ma per uno scambio di influenze politico-affaristiche che garantisca una poltrona su cui contare, quella che fara’ comunque sempre in modo che la figura dei suoi tutori venga privilegiata negli spazi televisivi.
Abbiamo, per citare un esempio, visto tutti accantonare la candidatura di Lorella Zanardo, paladina della rieducazione civile sulla immagine femminile, proprio in questo periodo che vede come non mai una estrema violenza contro le donne.

La società civile ed il mondo delle donne hanno proposto ma non sono riuscite ad oltrepassare il cancello.

Anche la stampa ci offre illustri esempi di chi, arrampicandosi sugli specchi e con contorcimento di logica paradossale intendono portare il lettore al pensiero del potere.

Regola fondamentale dell’ABC dell’informazione è quindi l’elogio sperticato del prescelto, sul quale ruota la notizia del giorno e se qualcuno appena dissente viene messo alla gogna.

Un esempio lampante è il cosiddetto caso Monti-Squinzi nel quale il presidente di Confindustria ha osato affermare che al mondo dell’imprenditoria poco importano,tagli, flessibilità ed articolo 18 purchè sia privilegiato il lavoro. La risposta del presidente del consiglio non si è fatto certo attendere: lo spread.
L’Italia che lavora, il mondo degli imprenditori e lavoratori, non può osare criticare le manovre di governo perchè sale lo spread.

Ai nostri occhi è evidente che all’economia finanziaria disturba evidentemente non poco quella produttiva.

Però non ce lo dicono

Il giornalista non e’ più l’intercapedine tra il mondo civile e quello burocratico delle istituzioni, colui che offre notizie ed informazioni affinchè lo spirito critico dell’ascoltatore possa elaborarle.

Perché non ce n’è bisogno.

L’informazione comprende nel pacchetto unico anche l’elaborazione critica.

Ci dicono cioè anche come dobbiamo pensare.

(http://antonellarandazzo.blogspot.it/2008/08/insospettabili-gatekeepers.html)

About these ads

2 responses to “Gatekeeper, la notizia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.809 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: